Naso chiuso: 5 consigli per respirare meglio

Naso chiuso: 5 consigli per respirare meglio

Congestione nasale, difficoltà a respirare, sensazione di stordimento. Uno dei sintomi più fastidiosi del raffreddore è senza dubbio quello del naso chiuso, un problema molto diffuso e causato dell’accumulo di muchi nei setti nasali e dal rigonfiamento delle mucose del naso.

Il naso otturato può essere causato essenzialmente da infezioni virali che attaccano le alte vie respiratorie o da reazioni allergiche che determinano un’infiammazione della mucosa nasale che tende a gonfiarsi e ad ostruire le vie respiratorie. Anche il fumo, l’aria secca o l’inquinamento atmosferico possono essere responsabili del naso chiuso.

Tra i sintomi più comuni della congestione nasale da raffreddore ci sono – oltre alle difficoltà a respirare dal naso – la rinorrea (il naso che cola), lacrimazione e prurito agli occhi. Spesso il naso congestionato è accompagnato da altri sintomi che amplificano il fastidio come febbre, tosse e mal di gola.

Esistono numerosi rimedi naturali contro il naso chiuso da raffreddore tramandatici dalle nostre nonne che possono aiutarci ad alleviare i sintomi della congestione nasale. Vediamo allora, cinque consigli per respirare meglio.

Oli essenziali balsamici suffumigi, bagni e oli per massaggi.

Grazie alle loro proprietà decongestionanti, gli oli essenziali balsamici sono tra i rimedi naturali più diffusi contro i sintomi da naso chiuso. Oltre ad agire sull’infiammazione della mucosa aiutando la respirazione, infatti, questi oli hanno anche proprietà antisettiche, utili per bloccare il propagarsi dell’infezione. Gli oli essenziali consigliati per il trattamento del naso congestionato sono quelli capaci di intervenire su muco e catarro, grazie alle loro proprietà fluidificanti ed espettoranti, come quelli di eucalipto, di pino e di niaouly, tutti facilmente acquistabili in erboristeria. Questi oli possono essere utilizzati per fare i classici suffumigi, aggiungendoli (circa tre gocce) all’acqua bollente, o possono essere aggiunti nella vasca da bagno per un bagno ai vapori balsamici. Gli oli essenziali, inoltre, possono essere utilizzati per preparare soluzioni da massaggiare sul torace o intorno alle narici.

Potete preparare un olio per massaggi all’eucalipto mescolando un cucchiaio di olio di mandorle con circa 15 gocce di olio essenziale all’eucalipto. È l’ideale da applicare sul torace prima di andare a letto per facilitare il sonno. In commercio si possono trovare anche olio essenziali edibili che vanno assunti quotidianamente seguendo le indicazioni terapeutiche indicate sulla confezione.

Tisana alla menta, limone e zenzero

È risaputo che in caso di raffreddore e naso chiuso bisogna bere bevande calde, meglio se tisane, e assumere cibi liquidi come vellutate, zuppe o il classico brodo di pollo della nonna. Il motivo è molto semplice, le bevande e i cibi caldi – oltre a reidratare il corpo – hanno un effetto decongestionante per le mucose nasali e aiutano a sciogliere i muchi.

Di grande sollievo in caso di naso otturato è la tisana con menta, limone e zenzero che unisce le proprietà decongestionanti della menta a quelle antinfiammatorie e antivirali dello zenzero. Il limone, infine, rinforza le difese immunitarie grazie alla vitamina C. 

Per preparare questa tisana vi occorrono:

  • 5 foglie di menta
  • 5 fette di zenzero fresco
  • Mezzo limone
  • 1 cucchiaino di miele

Il procedimento è molto semplice. Lasciate in infusione la menta e lo zenzero in acqua bollente per 7 minuti, quindi filtrate e aggiungete il succo di limone. Dolcificate con il miele e consumate la tisana ancora calda.

Umidificare l’aria nelle stanze

Per contrastare i fastidi del naso chiuso, può essere utile intervenire sulla qualità dell’aria nei luoghi in cui trascorriamo il tempo. L’aria eccessivamente secca, infatti, può irritare la mucosa del naso causando la congestione nasale, ecco perché è importante umidificare l’aria nelle stanze della nostra casa. La soluzione più semplice è utilizzare gli appositi deumidificatori da appendere ai termosifoni, che impediscono all’ambiente di seccarsi eccessivamente. Per una maggiore efficacia, aggiungete qualche goccia di olio essenziale nell’acqua così da sprigionare gli effluvi balsamici nelle stanze della casa.

Lavaggi nasali con soluzione fisiologica casalinga

I lavaggi nasali sono tra i rimedi naturali contro il naso chiuso più diffusi e utilizzati e consistono nel fare passare nelle narici una soluzione fisiologica sterile in grado di ripulire le vie nasali dal muco in eccesso e di liberare le vie respiratorie. È possibile acquistare la soluzione fisiologica in farmacia o prepararla semplicemente in casa.

Il procedimento per la preparazione di una soluzione nasale fatta in casa è molto semplice. Vi occorreranno solo:

  • 500 ml di acqua
  • Mezzo cucchiaino di sale da cucina 
  • Mezzo cucchiaino di bicarbonato 

Fate bollire l’acqua per sterilizzarla e poi scioglietevi il sale e il bicarbonato. Mescolate bene e lasciate raffreddare. 

I lavaggi possono essere effettuati con una pompetta o con una siringa senza ago, semplicemente spruzzando la soluzione fisiologica in una narice, mentre si tiene chiusa l’altra.

Sciroppo al miele di eucalipto

Il miele di eucalipto è un prezioso alleato contro il naso chiuso grazie alla sua azione fluidificante e mucolitica. Ecco, allora, la ricetta per la preparazione di un ottimo sciroppo al miele da assumere ogniqualvolta sia necessario.

Per preparare questo sciroppo vi occorrono:

  • 250 ml di aceto di mele
  • 250 ml di miele di eucalipto

Sciogliete il miele nell’aceto di mele fino a quando non avrete ottenuto la consistenza di uno sciroppo. Versate lo sciroppo in una bottiglia di vetro e conservatela in frigorifero. Lo sciroppo può essere utilizzato subito. In caso di congestione nasale si consiglia di assumere un cucchiaino ogni 4 ore.

Il naso chiuso, infine, si cura anche a tavola scegliendo con cura quali alimenti inserire nella vostra dieta da convalescente e quali, invece, escludere. Tra gli alimenti che aiutano a contrastare i sintomi del naso chiuso ci sono sicuramente le spezie piccanti come il peperoncino, il pepe lungo, la curcuma, la cipolla e l’aglio. Utilizzate queste spezie per insaporire zuppe, vellutate e brodi. Inutile sottolineare la necessità di consumare frutta contenente vitamina C e verdure in abbondanza. Evitate, invece, gli alimenti che favoriscono la produzione di muco come latticini, cereali raffinati e zucchero.

 

Lascia un commento

Chiudi il menu

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi